Home Wine Story
Ancora successi per "Wine Story" Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 15 Maggio 2012 14:24

Per il secondo anno consecutivo WINE STORY, evento pensato ed organizzato dall’associazione Go Wine di Alba e dal Seminario Permanente Luigi Veronelli di Bergamo, ha riscosso sotto tutti i fronti un grande successo.
Nelle eleganti sale dell’Hotel Melià di Milano lunedì 7 maggio scorso è stato possibile incontrare un parterre esclusivo di grandi marchi del vino italiano, selezionato fra coloro che hanno contribuito in tanti diversi territori del nostro Paese alla positiva rivoluzione che ha coinvolto il vino italiano nell’ultimo quarto di secolo.
Ogni azienda presente con i quattro vini che meglio hanno caratterizzato la loro “story”, due selezionati dal Gigi Brozzoni e due scelti dai produttori stessi, per una degustazione straordinaria ed a un incontro affascinante con tanti protagonisti direttamente in sala ad incontrare il pubblico.

La risposta del pubblico non si è fatta attendere: da sottolineare l’importante presenza di operatori professionali nel pomeriggio, ma molti sono stati molti altresì gli appassionati che hanno affollato le sale del Melià, arrivando oltre che da Milano e dalla Lombardia, anche dal Piemonte, dalla Liguria e dal Veneto.


Ricordiamo il prestigioso elenco delle aziende partecipanti:

Agricole Vallone, Allegrini, Alois Lageder, Anselmi, Antichi Vigneti di Cantalupo, Berlucchi,
Braida, Cà del Bosco, Cà di Frara, Cantina Produttori Bolzano, Cantine del Notaio,  Cantine Marisa Cuomo, Capichera, Caprai, Castelluccio, Cavallotto – Tenuta Bricco Boschis, Colle Picchioni, Di Majo Norante, Donnafugata, Kellerei Kaltern, F.lli Bucci, Felsina, Fontanafredda, Fontodi, Isole & Olena, Le Piane, Librandi, Lis Neris, Lungarotti, Marchesi Antinori, Masciarelli, Masi, Montalbera – Terra del Ruché, Nino Franco, Pescaja, Pieropan, Planeta, Russiz Superiore, Sella&Mosca, Tenuta Mazzolino, Terre Rosse Enrico Vallania, Travaglini, Umani Ronchi, Villa Matilde, Zaccagnini



 
Wine Story: tutti le aziende e i vini del banco d'assaggio Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 30 Aprile 2012 16:30

Non capita spesso di vedere riunito in un'unica manifestazione un parterre tanto ricco di aziende importanti e rappresentative dell’élite vitivinicola nazionale, come sono quelle messe insieme da Wine Story, una manifestazione che ha, dunque, centrato in pieno il suo obiettivo e che consentirà ad un vasto ed eterogeneo pubblico di conoscere i più validi interpreti di un rinnovamento qualitativo di storica portata.

Appuntamento presso le sale dell'hotel Melià lunedì 7 maggio: tutte le specifiche sugli orari e come partecipare nella sezione dedicata - clicca qui!

Del resto l’elenco delle aziende partecipanti, che troverete qui sotto riportato, parla chiaro e racconta di un percorso profondamente meditato, volto a selezionare gli autentici protagonisti del movimento che ha portato l’enologia italiana ai vertici mondiali.



Le aziende e tutti i vini in degustazione:

Allegrini Estates - Fumane (Verona)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.allegrini.it
Amarone della Valpolicella
La Grola Rosso Veronese
Bolgheri Rosso Sondraia
Brunello di Montalcino

Alois Lageder - Magrè (Bolzano)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.aloislageder.eu
Alto Adige Cabernet Löwengang Tenutae Lageder
Alto Adige Gewürztraminer Am Sand Tenutae Lageder
Alto Adige Chardonnay Löwengang Tenutae Lageder
Alto Adige Pinot Nero Krafuss Tenutae Lageder


Anselmi Roberto - Monforte d’Alpone (Verona)
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.anselmi.eu
Capitel Foscarino Bianco Veneto
I Capitelli Passito Veneto
San Vincenzo Bianco Veneto

Leggi tutto...
 
Lunedì 7 maggio a Milano la seconda edizione Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 25 Marzo 2012 15:33

L'Associazione Go Wine e il Seminario Permanente Luigi Veronelli, istituzione legata a Gino Veronelli, annunciano la data della seconda edizione di un importante appuntamento dedicato al vino italiano, "WINE STORY"

Appuntamento per lunedì 7 maggio 2012 all'Hotel Melià di Milano (www.melia-milano.com).

L’idea del Wine Story è nata lo scorso anno dal desiderio di rendere una sorta di omaggio a quelle aziende vinicole italiane che, pur con storie e profili diversi, hanno contribuito in tanti territori alla positiva rivoluzione che ha coinvolto il vino italiano nell’ultimo quarto di secolo.
Un super evento, che vedrà protagonista un parterre esclusivo di aziende italiane con i loro grandi vini: sono i testimoni del rinascimento che il vino italiano ha avuto negli ultimi quindici anni e sono stati la virtuosa guida per tanti altri produttori che nel tempo sono diventati grandi.


Programma:

Ore 10,30: Forum alla presenza delle aziende sul tema: “Strategie per un mercato sempre più difficile: avanti compatti o in ordine sparso?” Parteciperanno con diritto di intervento tutti i produttori che ne faranno richiesta; saranno invitati anche i rappresentanti della stampa e gli operatori di settore.


Ore 13,00 Pausa lavori

Ore 14,30-18,30 Degustazione esclusivamente riservata ad operatori di settore e giornalisti;
Ore 18.30-22.00 Degustazione aperta al pubblico di eno-appassionati invitati per l’occasione.


Hanno aderito:

Agricole Vallone, Allegrini, Alois Lageder, Anselmi, Antichi Vigneti di Cantalupo, Berlucchi,
Braida, Cà del Bosco, Cà di Frara, Cantina Produttori Bolzano, Cantine del Notaio,  Cantine Marisa Cuomo, Capichera, Caprai, Castelluccio, Cavallotto – Tenuta Bricco Boschis, Colle Picchioni, Di Majo Norante, Donnafugata, Kellerei Kaltern, F.lli Bucci, Felsina, Fontanafredda, Fontodi, Isole & Olena,

Leggi tutto...
 
Ricordando Gino Veronelli.. con Raffaella Bologna Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 05 Maggio 2011 15:30

Conversando con Raffaella Bologna, (azienda Braida, Rocchetta Tanaro)
Rendere omaggio ad aziende che hanno contribuito al rinascimento del vino italiano, significa anche richiamare personalità come quella di Gino Veronelli, che in anni difficili, ha saputo da uomo di cultura e giornalista, raccontare i viticoltori, le loro storie ed aspirazioni e comunicare in modo nuovo e diverso il grande vino italiano e la sua terra. Ecco perché, alla vigilia dell’evento, proponiamo questa breve intervista che racconta una delle tante storie che a Milano potremo evocare.

 

Com’è nato il Vostro rapporto con Gino Veronelli?
Nel marzo del 1971 Luigi Veronelli viene a Rocchetta Tanaro: conosce mio padre Giacomo Bologna, e soprattutto il suo vino e ne nasce un legame di affetto e stima destinato a non interrompersi più.
Dopo la scoperta di Veronelli anche altri giornalisti parlano di Braida e del suo Barbera, oggi conosciuto in tutto il mondo.
Nella nostra famiglia, per mio fratello Beppe e me, Luigi è Gino, “il vangelo”. Oltre che un amico, un uomo colto sarà per noi maestro di vita.


Una riflessione su Gino Veronelli come comunicatore, in rapporto al mondo della comunicazione del vino ai giorni nostri.
Ancora oggi dimostra di essere “il” giornalista: anticipatore, rivoluzionario e raffinato poeta del vino. Mi manca molto e sono lieta di ricordarlo in Wine Story!
Gino non era solo uno scrittore di vino, era un intellettuale a tutti gli effetti: uomo coltissimo, grande polemista, pieno di coraggio e di personalità. Devo dire che nessun altro giornalista ha fatto le cose che Gino ha fatto in cinquant’anni di carriera.

 

Una curiosità, un episodio che ricorda con piacere su Veronelli.
Gino ci faceva sognare, aveva una capacità evocativa che pochi hanno avuto nel mondo del vino, da grande scrittore qual’era.
Una sua frase in particolare mi piace ricordare, riferita a Rocchetta Tanaro:  “ Ti ho visto la prima volta, mille anni fa, al tavolo della tua osteria e subito ho pensato che i contadini mangiano e bevono attenti perché rendono omaggio alla roba e salutano il vino ch’è costato tanta fatica”.
C’è anche un episodio che ricordo con piacere: nella seconda metà degli anni ottanta avevamo organizzato un viaggio alla scoperta del vino sovietico. La meta era la Georgia, dove secondo i documenti storici, mitici e religiosi quelle colline delle strette valli del Caucaso hanno visto l’origine della coltivazione della vite. Fanno parte della brigata, oltre Luigi Veronelli, il sindaco di Rocchetta Tanaro Stefano Icardi, Sergio Manetti dell’azienda Montevertine, Marco Felluga, Albano Zanella e mio papà Giacomo.
Gino scrisse di questa esperienza: “si può imparare anche da quelli che ti sembrano più indietro di te. In Georgia il vino non lo sanno fare, la qualità non interessa, per motivi sociali, di povertà, di organizzazione, ma i loro brindisi, i “caumargiòs”, sono dei capolavori e noi abbiamo tanto da imparare. Ognuno si racconta agli altri, racconta una storia, è come se si confessasse: tutti poi si sentono più liberi e più vicini. Il vino dopo è più buono”.

 

 


Cerca nel sito

Tutto su Wine Story

Ancora successi per "Wine Story"

Per il secondo anno consecutivo WINE STORY, evento pensato ed organizzato dall’associazione Go Wine di Alba e dal Seminario Permanente Luigi Veronelli di Bergamo, ha riscosso sotto tutti i fronti ...

Wine Story: tutti le aziende e i vini del banco d'assaggio

News image

Non capita spesso di vedere riunito in un'unica manifestazione un parterre tanto ricco di aziende importanti e rappresentative dell’élite vitivinicola nazionale, come sono quelle messe insieme da Wine Story, una ...

Lunedì 7 maggio a Milano la seconda edizione

News image

L'Associazione Go Wine e il Seminario Permanente Luigi Veronelli, istituzione legata a Gino Veronelli, annunciano la data della seconda edizione di un importante appuntamento dedicato al vino italiano, ...

Ricordando Gino Veronelli.. con Raffaella Bologna

News image

Conversando con Raffaella Bologna, (azienda Braida, Rocchetta Tanaro)Rendere omaggio ad aziende che hanno contribuito al rinascimento del vino italiano, significa anche richiamare personalità come quella di Gino Veronelli, che in ...

Edizioni passate di Wine Story

next
prev

Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.