Home news News
News dal mondo del vino - Go Wine
Vino Nobile: accordo con BMps per il “Sistema Montepulciano” Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 18 Gennaio 2010 14:31

Un accordo per offrire ai produttori di Vino Nobile la possibilità di praticare investimenti in innovazione e tecnologia e rendere così più facili le prossime sfide del mercato. E’ questo uno degli obiettivi che ha spinto il Consorzio Del Vino Nobile di Montepulciano e Banca Monte dei Paschi, alla presenza di Provincia di Siena e Comune di Montepulciano, a sottoscrivere un protocollo d’intesa che permetterà alle aziende associate al Consorzio di accedere alle diverse linee di prodotti pensati da Banca Mps proprio per le esigenze delle imprese vitivinicole. L’accordo permetterà alle imprese di limitare i costi di produzione e quindi di stabilizzare i prezzi di mercato; a beneficiarne sarà tutto il territorio, il “Sistema Montepulciano”, tramite un costante miglioramento della qualità dei vini prodotti, nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio, volano per lo sviluppo delle attività turistiche, artigiane, commerciali, culturali e del terziario.

I PRODOTTI PREVISTI DALL’ACCORDO Per il reimpianto e ampliamento dei vigneti del Vino Nobile di Montepulciano, attività fondamentale per il miglioramento della qualità, è previsto un finanziamento fino a 10 anni, dell’importo massimo di 50.000 euro per ettaro, con rate semestrali e la possibilità di usufruire di un periodo di quattro anni di preammortamento compreso nella durata totale. Gli altri due prodotti sono denominati Nobile di Montepulciano; il primo consiste in un finanziamento per un periodo non superiore ai 5 anni comprensivo, eventualmente, di una fase di preammortamento di 24 mesi; l’importo finanziabile sarà calcolato sulla base di un massimo di 300 euro ad ettolitro, al fine di sostenere le spese di produzione, invecchiamento riserva e affinamento del vino. Il secondo consiste in un finanziamento, per un massimo di 18 mesi, di un importo fino a 300 euro per ettolitro, individuando come soglia minima finanziabile il 75% del costo di produzione effettivo sostenuto dall’Azienda e certificato dal Consorzio. Il prestito verrà erogato per sostenere le spese di produzione, affinamento, pubblicità e commercializzazione del vino; tale finanziamento dovrà passare attraverso il vaglio del Consorzio, che contribuirà ad indicare il corretto  valore ad ettolitro secondo le quotazioni correnti di mercato.

ENERGIE RINNOVABILI Banca Monte dei Paschi di Siena ha inoltre predisposto finanziamenti specifici destinati ad impianti di energie rinnovabili comeil fotovoltaico, il solare termico, le biomasse, il minieolico e l’ idroelettrico, ed altri destinati al miglioramento fondiario e alla costruzione o ammodernamento delle cantine e dei locali strumentali all’attività, alla ristrutturazione di immobili e all’acquisto di beni come barriques, botti, attrezzature di cantina, linee di imbottigliamento, con formule a tassi convenienti e con congrui periodi di preammortamento.

 
Olio Capitale, la quarta edizione dal 5 all’8 marzo 2010 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 13 Gennaio 2010 16:42

La campagna olearia è stata generosa per l’olivicoltura italiana e per quella mondiale. Si confermano infatti le previsioni della vigilia, che, secondo fonti istituzionali dovrebbero attestarsi su una produzione di circa 510 mila tonnellate d’olio d’oliva. Si tratta per ora delle prime stime ufficiali, che al momento presentano un andamento positivo, con un’abbondante produzione in Puglia, Calabria e Sicilia, le aree più vocate e dai grandi volumi di prodotto.
Poi, si sa, l’Italia per la sua caratteristica conformazione, così particolarmente estesa in lunghezza, non offre mai uno spaccato unitario. Quest’anno infatti è stato soprattutto il Centro Italia a soffrire maggiormente, con regioni come la Toscana, l’Umbria e il Lazio, che registrano cali quantitativi nell’ordine del 25-30%. Stime positive hanno invece riguardato le regioni oliandole del Nord Italia, con Liguria e lago di Garda che stanno registrando un incremento della produzione nell’ordine del 15-20%.
Siamo particolarmente soddisfatti di questi andamenti”, ha ammesso il presidente di Fiera Trieste Fulvio Bronzi. “Ci conforta sapere che la quarta edizione di Olio Capitale possa contare su una produzione numericamente significativa, oltre che su una qualità che premia gli sforzi sostenuti dagli olivicoltori.
Fiera Trieste
– ha proseguito Bronzi – non mancherà di accogliere con iniziative sempre più strutturate e attrattive il pubblico dei visittatori, sia esso professionale che amatoriale. Quest’anno gli eventi avranno una risonanza internazionale, e per fine gennaio sarà reso noto il ricco calendario degli appuntamenti”.
Olio Capitale è diventato ormai un solido punto di riferimento e non si può certo mancare dal 5 all’8 marzo 2010. Ed è proprio in questo contesto che l’olivicoltura italiana ha trovato la sua casa comune, il luogo in cui ritrovarsi e decidere le sorti future. L’Italia olivicola si estende su oltre un milione di ettari e coinvolge altrettanti produttori, di cui i due terzi sono situati nel Meridione.
L’Italia può così contare su un gran numero di appassionati olivicoltori che coltivano più di 500 diverse varietà di olivo: un tesoro invidiabile. Un patrimonio genetico immenso, che rappresenta più del 40% di quello mondiale, e che in Italia viene adeguatamente tutelato, conservato e valorizzato. Sono ben 38, ad oggi, le denominazioni d’origine attribuite dall’Unione europea all’Italia e riguardano tutte le regioni olivicole, con in testa la Sicilia (6 Dop) seguita da Puglia (5 Dop) e Toscana (1 Igp e 3 Dop).
L’organizzazione della quarta edizione di Olio Capitale, il Salone degli oli extra vergini tipici di qualità, procede a ritmi serrati. Si svolgerà dunque a Trieste dal 5 all’8 marzo 2010, ed esprimerà senza alcun dubbio le nuove tendenze del comparto oleario italiano e  mondiale. Ad affiancare nell’organizzazione Fiera Trieste è l’Associazione nazionale delle Città dell’Olio, mentre, quale media partner, vi è il settimanale “Teatro Naturale”, testata leader sul fronte della comunicazione dell’olio di oliva.

 
“Puglia Wine & Land” Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 12 Gennaio 2010 16:12

Far conoscere il territorio pugliese e le sue peculiarità produttive, favorire l'avvio di rapporti commerciali, la divulgazione a livello mondiale del patrimonio enogastronomico regionale e la promozione dell'immagine turistica delle aree rurali.

Questi gli obiettivi di “Puglia, Wine & Land”, importante appuntamento internazionale in programma dal 27 al 31 gennaio, che vede riunirsi in Puglia una prestigiosa selezione di giornalisti, buyer, chef e tour operator internazionali provenienti dai cinque continenti con l'obiettivo di incontrare i produttori, visitare le aziende, degustare prodotti locali, scoprire novità, caratteristiche e potenzialità della regione.

 

L'iniziativa, alla sua seconda edizione consecutiva, è ideata dal Movimento Turismo del Vino Puglia e realizzata con il sostegno delle istituzioni (Assessorato alle Risorse Agroalimentari, ICE, Assessorato al Turismo della Regione Puglia e Unioncamere).

 

Articolato e curato nei minimi particolari il programma, mirato a soddisfare le aspettative delle diverse tipologie di ospiti. 

Per informazioni:
Lucia Amoruso
Tirsomedia - Ufficio stampa
tel. 080 5233038 - 080 5231926
fax 080 5275510
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.tirsomedia.it

 
I “Picai” del Recioto: prima pigiatura pubblica della Garganega vendemmia 2009 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 07 Gennaio 2010 16:01

E' un'arte della zona la consuetudine di vinificare in maniera particolare le migliori uve Garganega, scegliendo i grappoli più adatti, addirittura la parte migliore di essi: quelle "ali" che nel dialetto sono chiamate "recie", donde il nome Recioto.
E' in programma per domenica 10 gennaio 2010 la sesta edizione della pigiatura pubblica della Garganega a Montebello Vicentino.
Ecco il programma della giornata:
Ore 10,00 – Ritrovo con i giornalisti e le autorità presso il piazzale del Palazzo del Municipio, piazza Italia n. 1 a Montebello Vicentino;

Ore 10,15 – Palazzo del Municipio – sala Consiglio: Conferenza stampa con presentazione della manifestazione, dei programmi dell’associazione “Strada del Recioto e dei vini Gambellara D.O.C.” a cura del Presidente, Antonio Tonello, e del “Consorzio Tutela Vini D.O.C. Gambellara” a cura del Presidente, Giuseppe Zonin;

Ore 11,00 – Cantine Dal Maso Luigino – via Selva n. 62 – Montebello Vicentino: “ Il Vin Santo di Gambellara fra tradizione e innovazione ”.
La Sperimentazione del Consorzio a cura di Angiolino Maule – coordinatore del progetto;
La tradizione de Il Vin Santo di Gambellara a cura del Prof. Luigi Zonin – Storico;
La sperimentazione del Consorzio Tutela Vini D.O.C. Gambellara a cura del Prof.
Roberto Ferrarini – Università di Verona Dipartimento di Scienze, tecnologie e mercati della vite e del vino. Degustazione di alcuni Vin Santo ottenuti dalla sperimentazione; condotta da: Mauro Pasquali – fiduciario condotta vicentina Slow Food; Franco Giacosa – direttore tecnico Casa Vinicola Zonin.

Ore 12,30 – Pranzo tipico a base delle specialità della tradizione riscoperte nell’area a cura del gruppo ristoratori della Strada del Recioto.(su prenotazione obbligatoria al 0444-444183)

Ore 14,30 – Firma delle bottiglie numerate della manifestazione da parte delle autorità e dei giornalisti.

Ore 14,45 – Trasferimento in piazza Italia di Montebello Vicentino;

Ore 15,00 – saluto del Sindaco di Montebello Vicentino e delle autorità presenti; Spremitura pubblica dei Primi “Picai” di Garganega per la produzione del Recioto di Gambellara D.O.C.G. Vendemmia 2009”.
Madrina e testimonial dell’evento Adua Villa, Sommelier Master Class, consulente enogastronomica all’interno della trasmissione “La Prova del Cuoco”.
Durante la manifestazione sarà presente un gazebo del Consorzio Tutela vini D.O.C. Gambellara per l’assaggio e la vendita al pubblico del Recioto Gambellara a D.O.C. abbinato al dolce tipico “Brasadelo” e alcuni stand con prodotti tipici locali.

Ore 18,00 – Saluti di commiato ed un arrivederci alla prossima edizione.

 
Nuove cariche all’Enoteca Regionale del Barbaresco Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 29 Dicembre 2009 16:36

Venerdì 18 dicembre scorso si è riunita l’Assemblea dell’Enoteca Regionale del Barbaresco allo scopo di nominare le cariche associative per il prossimo triennio, cioè fino al termine del 2012.

L’Assemblea, per Statuto, è composta da  20 componenti, 16 dei quali nominati dai 4 Comuni della zona del Barbaresco (quattro ciascuno per Alba, Barbaresco, Neive e Treiso),  da un rappresentante per la Provincia di Cuneo, uno per la Camera di Commercio di Cuneo e uno per il Consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero. Il ventesimo componente è il Sindaco di Barbaresco, in quanto tale Comune è titolare della sede in cui opera l’Enoteca stessa.

Sedici su venti i presenti nell’Assemblea per nominare le seguenti cariche sociali: alla Presidenza è stato confermato Giancarlo Montaldo che rappresenta il Comune di Barbaresco; la carica di Vice Presidente è stata affidata a Pietro Giovannini. A coprire i 5 restanti posti in Consiglio sono stati chiamati Gilberto Balarello e Carlo Toso per Neive, Davide Viglino per Treiso (è anche Presidente della locale Bottega del Vino), Mario Sandri per Alba e Giovanna Margiaria per la Provincia di Cuneo.

Nella stessa seduta è stato anche rinnovato il Collegio dei Revisori dei Conti, individuati nelle persone di Corrado Meinardi per il Comune di Treiso, Federico Vacca in rappresentanza della Camera di Commercio di Cuneo e Maurizio Orco, commercialista ed esperto delle materie amministrative.

Il nuovo Consiglio prende in eredità una situazione positiva dal punto di vista organizzativo ed economico e potrà  affrontare il nuovo anno con entusiasmo, da un lato ribadendo le iniziative promozionali che si sono consolidate e dall’altro preparandosi a potenziare l’attività di accoglienza, sia nella propria sede, sia nella Vineria dell’Enoteca che, con il 2010, verrà gestita direttamente dall’Enoteca stessa.

L’esercizio 2009 si sta chiudendo in maniera lusinghiera, nonostante l’aria di crisi che sta interessando l’economia italiana e mondiale e questo fa ben sperare per una riconferma anche nel 2010. Volendo scendere nei dettagli l’esercizio 2009 sta terminando con il segno positivo rispetto alla situazione già favorevole del 2008, sia in termini di fatturato, sia in termini di bottiglie vendute, sia per quanto riguarda i visitatori.

Anche le attività promozionali del 2009 hanno dato ottimi risultati: in alcuni casi (Piacere Barbaresco e Barbaresco Weekend) è stata trovata finalmente la formula vincente e questo garantirà ulteriore potenziamento organizzativo per il 2010. Ricordiamo che Il Barbaresco a Tavola toccherà la sua 17° edizione, Olio delle mie Brame arriverà alla 5°, Piacere Barbaresco  e Barbaresco Weekend alla quarta, così come l’appuntamento natalizio (Natale è qui. Regala Barbaresco).


Per quanto riguarda l’accoglienza, l’Enoteca Regionale del Barbaresco conferma l’orario di apertura sperimentato nel 2009, vale a dire tutta la settimana e tutti i mesi dell’anno, ad eccezione del 25 e 26 dicembre e del periodo dal 1 al 10 di gennaio incluso.

Il 2010 sarà anche l’anno del definitivo consolidamento del Club “Piacere Barbaresco”, che l’Enoteca ha istituito nella primavera 2009 e che finora ha accolto 1500 associati.

Chi fosse interessato ad aderire, può farlo inviando un messaggio all’Enoteca ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).

 

 
<< Inizio < Prec. 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Tutte le news




































































































Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.