Home news
News dal mondo del vino - Go Wine
Panificatori e CIttà del Pane si alleano per il pane fresco artigianale Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 01 Febbraio 2010 09:48

Una petizione popolare nei 25mila forni italiani per chiedere alle istituzioni di chiarire in etichetta la differenza tra pane fresco artigianale e pane conservato.
E’ il primo passo dell’alleanza per il pane artigianale siglata oggi tra Città del Pane e la Federazione Italiana Panificatori (Fippa) che danno il via una serie di iniziative per promuovere la cultura del pane, tutelare i consumatori e l’artigianalità dell’arte bianca.
Tra gli elementi centrali del patto, la realizzazione di programmi di educazione alimentare nelle scuole, rassegne nelle piazze italiane per valorizzare i pani regionali, ma soprattutto azioni per difendere il pane fresco, che da anni rischia di essere confuso con un prodotto diverso che porta lo stesso nome . E’ in virtù di questa mancata chiarezza che Fippa e Città del Pane promuoveranno una raccolta di firme nei 25mila panifici italiani per chiedere ai consumatori di sottoscrivere una petizione indirizzata ai presidenti di Camera e Senato per difendere la trasparenza nella produzione del pane. A rafforzare l’iniziativa anche una lettera aperta al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per chiedere l’immediata emanazione del decreto previsto dalla Legge n. 248 del 2006.

 

“Ad oggi il consumatore non ha ancora gli elementi per riconoscere il pane fresco artigianale dal pane conservato – dichiara il presidente della Fippa, Luca Vecchiato – . Parliamo di una distinzione che doveva essere applicata già dal 2007 dopo le liberalizzazioni del Decreto Bersani. Ma il regolamento, nonostante le nostre ripetute richieste, non è stato mai emanato. Applicarlo è ora più che mai necessario – continua Vecchiato - non solo per i panificatori ma anche per il consumatore. Pochi sanno che solo il 10% del prodotto venduto nella GDO è fresco e che meno del 3% dei supermercati hanno forni dove si prepara artigianalmente il pane. Spesso – prosegue Vecchiato - il consumatore ha l’illusione di comprare pane fresco nella GDO, perché ‘appena sfornato’, ma in molti casi può essere surgelato o prodotto altrove, anche fuori dall’Ue, ad esempio in Ucraina”.

 

Per il presidente di Città del Pane (47 città associate in Italia), Maurizio Marchetti: “Abbiamo siglato un patto importante per tutelare tipicità e specificità del pane artigianale italiano. Un patrimonio inestimabile, che conta circa 200 specialità, di cui 95 già iscritte nell’elenco del Mipaaf. Non si possono danneggiare milioni di consumatori ogni giorno e mettere a rischio migliaia di piccole imprese, solo perché alcune società della GDO non vogliono esporre un’etichetta veritiera sul pane congelato”. Un danno, che secondo la Fippa, continua a mettere in crisi un settore del valore di 7 miliardi di euro per 400mila addetti, con 25mila imprese che sfornano in media 100 kg di pane al giorno ciascuna.

Per contatto: intercom per U.S. Fippa Simone Velasco 339.5818511- Ilaria Koeppen 347.7368769 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Vino Nobile: accordo con BMps per il “Sistema Montepulciano” Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 18 Gennaio 2010 14:31

Un accordo per offrire ai produttori di Vino Nobile la possibilità di praticare investimenti in innovazione e tecnologia e rendere così più facili le prossime sfide del mercato. E’ questo uno degli obiettivi che ha spinto il Consorzio Del Vino Nobile di Montepulciano e Banca Monte dei Paschi, alla presenza di Provincia di Siena e Comune di Montepulciano, a sottoscrivere un protocollo d’intesa che permetterà alle aziende associate al Consorzio di accedere alle diverse linee di prodotti pensati da Banca Mps proprio per le esigenze delle imprese vitivinicole. L’accordo permetterà alle imprese di limitare i costi di produzione e quindi di stabilizzare i prezzi di mercato; a beneficiarne sarà tutto il territorio, il “Sistema Montepulciano”, tramite un costante miglioramento della qualità dei vini prodotti, nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio, volano per lo sviluppo delle attività turistiche, artigiane, commerciali, culturali e del terziario.

I PRODOTTI PREVISTI DALL’ACCORDO Per il reimpianto e ampliamento dei vigneti del Vino Nobile di Montepulciano, attività fondamentale per il miglioramento della qualità, è previsto un finanziamento fino a 10 anni, dell’importo massimo di 50.000 euro per ettaro, con rate semestrali e la possibilità di usufruire di un periodo di quattro anni di preammortamento compreso nella durata totale. Gli altri due prodotti sono denominati Nobile di Montepulciano; il primo consiste in un finanziamento per un periodo non superiore ai 5 anni comprensivo, eventualmente, di una fase di preammortamento di 24 mesi; l’importo finanziabile sarà calcolato sulla base di un massimo di 300 euro ad ettolitro, al fine di sostenere le spese di produzione, invecchiamento riserva e affinamento del vino. Il secondo consiste in un finanziamento, per un massimo di 18 mesi, di un importo fino a 300 euro per ettolitro, individuando come soglia minima finanziabile il 75% del costo di produzione effettivo sostenuto dall’Azienda e certificato dal Consorzio. Il prestito verrà erogato per sostenere le spese di produzione, affinamento, pubblicità e commercializzazione del vino; tale finanziamento dovrà passare attraverso il vaglio del Consorzio, che contribuirà ad indicare il corretto  valore ad ettolitro secondo le quotazioni correnti di mercato.

ENERGIE RINNOVABILI Banca Monte dei Paschi di Siena ha inoltre predisposto finanziamenti specifici destinati ad impianti di energie rinnovabili comeil fotovoltaico, il solare termico, le biomasse, il minieolico e l’ idroelettrico, ed altri destinati al miglioramento fondiario e alla costruzione o ammodernamento delle cantine e dei locali strumentali all’attività, alla ristrutturazione di immobili e all’acquisto di beni come barriques, botti, attrezzature di cantina, linee di imbottigliamento, con formule a tassi convenienti e con congrui periodi di preammortamento.

 
Olio Capitale, la quarta edizione dal 5 all’8 marzo 2010 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 13 Gennaio 2010 16:42

La campagna olearia è stata generosa per l’olivicoltura italiana e per quella mondiale. Si confermano infatti le previsioni della vigilia, che, secondo fonti istituzionali dovrebbero attestarsi su una produzione di circa 510 mila tonnellate d’olio d’oliva. Si tratta per ora delle prime stime ufficiali, che al momento presentano un andamento positivo, con un’abbondante produzione in Puglia, Calabria e Sicilia, le aree più vocate e dai grandi volumi di prodotto.
Poi, si sa, l’Italia per la sua caratteristica conformazione, così particolarmente estesa in lunghezza, non offre mai uno spaccato unitario. Quest’anno infatti è stato soprattutto il Centro Italia a soffrire maggiormente, con regioni come la Toscana, l’Umbria e il Lazio, che registrano cali quantitativi nell’ordine del 25-30%. Stime positive hanno invece riguardato le regioni oliandole del Nord Italia, con Liguria e lago di Garda che stanno registrando un incremento della produzione nell’ordine del 15-20%.
Siamo particolarmente soddisfatti di questi andamenti”, ha ammesso il presidente di Fiera Trieste Fulvio Bronzi. “Ci conforta sapere che la quarta edizione di Olio Capitale possa contare su una produzione numericamente significativa, oltre che su una qualità che premia gli sforzi sostenuti dagli olivicoltori.
Fiera Trieste
– ha proseguito Bronzi – non mancherà di accogliere con iniziative sempre più strutturate e attrattive il pubblico dei visittatori, sia esso professionale che amatoriale. Quest’anno gli eventi avranno una risonanza internazionale, e per fine gennaio sarà reso noto il ricco calendario degli appuntamenti”.
Olio Capitale è diventato ormai un solido punto di riferimento e non si può certo mancare dal 5 all’8 marzo 2010. Ed è proprio in questo contesto che l’olivicoltura italiana ha trovato la sua casa comune, il luogo in cui ritrovarsi e decidere le sorti future. L’Italia olivicola si estende su oltre un milione di ettari e coinvolge altrettanti produttori, di cui i due terzi sono situati nel Meridione.
L’Italia può così contare su un gran numero di appassionati olivicoltori che coltivano più di 500 diverse varietà di olivo: un tesoro invidiabile. Un patrimonio genetico immenso, che rappresenta più del 40% di quello mondiale, e che in Italia viene adeguatamente tutelato, conservato e valorizzato. Sono ben 38, ad oggi, le denominazioni d’origine attribuite dall’Unione europea all’Italia e riguardano tutte le regioni olivicole, con in testa la Sicilia (6 Dop) seguita da Puglia (5 Dop) e Toscana (1 Igp e 3 Dop).
L’organizzazione della quarta edizione di Olio Capitale, il Salone degli oli extra vergini tipici di qualità, procede a ritmi serrati. Si svolgerà dunque a Trieste dal 5 all’8 marzo 2010, ed esprimerà senza alcun dubbio le nuove tendenze del comparto oleario italiano e  mondiale. Ad affiancare nell’organizzazione Fiera Trieste è l’Associazione nazionale delle Città dell’Olio, mentre, quale media partner, vi è il settimanale “Teatro Naturale”, testata leader sul fronte della comunicazione dell’olio di oliva.

 
“Puglia Wine & Land” Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 12 Gennaio 2010 16:12

Far conoscere il territorio pugliese e le sue peculiarità produttive, favorire l'avvio di rapporti commerciali, la divulgazione a livello mondiale del patrimonio enogastronomico regionale e la promozione dell'immagine turistica delle aree rurali.

Questi gli obiettivi di “Puglia, Wine & Land”, importante appuntamento internazionale in programma dal 27 al 31 gennaio, che vede riunirsi in Puglia una prestigiosa selezione di giornalisti, buyer, chef e tour operator internazionali provenienti dai cinque continenti con l'obiettivo di incontrare i produttori, visitare le aziende, degustare prodotti locali, scoprire novità, caratteristiche e potenzialità della regione.

 

L'iniziativa, alla sua seconda edizione consecutiva, è ideata dal Movimento Turismo del Vino Puglia e realizzata con il sostegno delle istituzioni (Assessorato alle Risorse Agroalimentari, ICE, Assessorato al Turismo della Regione Puglia e Unioncamere).

 

Articolato e curato nei minimi particolari il programma, mirato a soddisfare le aspettative delle diverse tipologie di ospiti. 

Per informazioni:
Lucia Amoruso
Tirsomedia - Ufficio stampa
tel. 080 5233038 - 080 5231926
fax 080 5275510
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.tirsomedia.it

 
I “Picai” del Recioto: prima pigiatura pubblica della Garganega vendemmia 2009 Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 07 Gennaio 2010 16:01

E' un'arte della zona la consuetudine di vinificare in maniera particolare le migliori uve Garganega, scegliendo i grappoli più adatti, addirittura la parte migliore di essi: quelle "ali" che nel dialetto sono chiamate "recie", donde il nome Recioto.
E' in programma per domenica 10 gennaio 2010 la sesta edizione della pigiatura pubblica della Garganega a Montebello Vicentino.
Ecco il programma della giornata:
Ore 10,00 – Ritrovo con i giornalisti e le autorità presso il piazzale del Palazzo del Municipio, piazza Italia n. 1 a Montebello Vicentino;

Ore 10,15 – Palazzo del Municipio – sala Consiglio: Conferenza stampa con presentazione della manifestazione, dei programmi dell’associazione “Strada del Recioto e dei vini Gambellara D.O.C.” a cura del Presidente, Antonio Tonello, e del “Consorzio Tutela Vini D.O.C. Gambellara” a cura del Presidente, Giuseppe Zonin;

Ore 11,00 – Cantine Dal Maso Luigino – via Selva n. 62 – Montebello Vicentino: “ Il Vin Santo di Gambellara fra tradizione e innovazione ”.
La Sperimentazione del Consorzio a cura di Angiolino Maule – coordinatore del progetto;
La tradizione de Il Vin Santo di Gambellara a cura del Prof. Luigi Zonin – Storico;
La sperimentazione del Consorzio Tutela Vini D.O.C. Gambellara a cura del Prof.
Roberto Ferrarini – Università di Verona Dipartimento di Scienze, tecnologie e mercati della vite e del vino. Degustazione di alcuni Vin Santo ottenuti dalla sperimentazione; condotta da: Mauro Pasquali – fiduciario condotta vicentina Slow Food; Franco Giacosa – direttore tecnico Casa Vinicola Zonin.

Ore 12,30 – Pranzo tipico a base delle specialità della tradizione riscoperte nell’area a cura del gruppo ristoratori della Strada del Recioto.(su prenotazione obbligatoria al 0444-444183)

Ore 14,30 – Firma delle bottiglie numerate della manifestazione da parte delle autorità e dei giornalisti.

Ore 14,45 – Trasferimento in piazza Italia di Montebello Vicentino;

Ore 15,00 – saluto del Sindaco di Montebello Vicentino e delle autorità presenti; Spremitura pubblica dei Primi “Picai” di Garganega per la produzione del Recioto di Gambellara D.O.C.G. Vendemmia 2009”.
Madrina e testimonial dell’evento Adua Villa, Sommelier Master Class, consulente enogastronomica all’interno della trasmissione “La Prova del Cuoco”.
Durante la manifestazione sarà presente un gazebo del Consorzio Tutela vini D.O.C. Gambellara per l’assaggio e la vendita al pubblico del Recioto Gambellara a D.O.C. abbinato al dolce tipico “Brasadelo” e alcuni stand con prodotti tipici locali.

Ore 18,00 – Saluti di commiato ed un arrivederci alla prossima edizione.

 
<< Inizio < Prec. 61 62 63 64 65 66 67 68 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Tutte le news




































































































Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.